– Intervista a Jeffrey Daniel by Michel Danzer –


Jeffrey Daniel, ballerino e coreografo ha collaborato con Michael Jackson nei cortometraggi di “Bad” e “Smooth Criminal”. Ancor prima del 1980, Daniel ha insegnato il moonwalk a Michael, e in questa intervista condivide i segreti della “danza sulla luna”.
Grazia28

– LA DANZA SULLA LUNA –

Il 25 marzo 1983, allo spettacolo televisivo Motown 25, Michael Jackson ha eseguito per la prima volta il Moonwalk. La storia sull’origine di questo famoso passo di danza ha fatto il giro del mondo.
Jeffrey Daniel ha debuttato sul palco del Soul Train, uno spettacolo di nuove tendenze musicali e danza, che ha influenzato lo stile di vita dei giovani neri americani. Ballerino dal 1975, oltre che cantante degli Shalamar, gruppo nato sotto l’etichetta Soul Train Records, ha reso singolare ogni performance degli Shalamar, grazie al suo stile di danza che deriva dai Lockers e dagli Electric Boogaloos, due famosi gruppi di ballerini di strada californiani.
Lungi dal rivendicare la paternità dei passi di danza, che Michael farà conoscere come il Moonwalk, Jeffrey Daniel è stato il primo ballerino, con Geron “Casper” Candidate e Derek “Cooley” Jackson, a far conoscere pubblicamente il movimento ad uno spettacolo del Soul Train, verso la fine degli anni Settanta. E questi tre ballerini, hanno insegnato il movimento – in origine definito backslide – a Michael. Successivamente, Jeffrey Daniel ha lavorato con Michael, collaborando alle coreografie di Bad e Smooth Criminal. Interlocutore privilegiato per parlare di Michael e la sua danza, Daniel ci svela i segreti dell’origine del moonwalk e del robot jacksoniano.

– Jeffrey Daniel –
– Puoi raccontare l’origine di questo movimento, il Backslide o Moonwalk – e come Michael lo ha appreso.
Jeffrey David: Negli anni Settanta in California, un ballerino di strada, Creepin Sid, degli Electric Boogaloos, praticava questo passo di danza. Ogni membro dei Boogaloos aveva il suo stile, ma Sid aveva visto fare questo passo da me. Mentre il body-popping e altri famosi movimenti come, il boogaloo rolling, il popping, waving… sono stati creati tutti dagli Electric Boogaloos, il backslide è un movimento che i Boogaloos avevano appreso dal mio gruppo. Avevo visto fare questo movimento, e con Casper e Cooley lo imparammo. Nella comunità afro-americana, come al Soul Train venivano presentati nuovi stili di ballo, tutti ne erano influenzati. Ogni nuova tendenza di danza bisognava saperla ballare e questa moda imperversava anche nell’ambiente scolastico. E quindi, anche se non la conoscevi, ma vedevi qualcuno che la faceva, era sufficiente guardare per imparare.
Questo è ciò che abbiamo fatto, in un certo senso con Michael. Il Moonwalk – in origine backslide – lo avevo presentato allo spettacolo del Soul Train nel 1979. Come appassionato dei Jacksons, potete immaginare la sorpresa quando venni a sapere che a Michael Jackson era piaciuta la mia danza. Nel 1980, un giorno, Michael è venne a Disneyland, a un concerto degli Shalamar. Era con Janet, ed entrambi stettero sul lato del palco per guardarmi ballare. Dopo qualche giorno, Michael mi chiamò per dirmi che voleva imparare i passi della mia danza. In quel momento, però, il gruppo aveva in programma un concerto alle Isole Vergini, e non potei andare da lui. Allora, Casper e Cooley – i miei fratelli di danza – andarono al mio posto. Appena rientrai dalle Isole Vergini, andai da Michael, per insegnargli il backslide. Ero riuscito nel frattempo a perfezionare il movimento, durante una perfomance con gli Shalamar, per attraversare il palcoscenico, accentuai il movimento con un effetto di scorrimento.
Il backslide su cui Michael ed io lavorammo, non era la stessa versione dei Boogaloos. Il movimento venne perfezionato. I Boogaloos lo facevano insieme ad un altro movimento, mentre Michael ed io, lo ideammo come il punto culminante dello spettacolo, qualcosa che avrebbe stupito il pubblico. A quel tempo, per Michael era già impossibile andare nei club a vedere le nuove tendenze. La sua presenza avrebbe causato un gran scompiglio, la gente sarebbe impazzita nel vederlo. Perciò non poteva frequentare normalmente la vita di strada come facevamo noi. Michael aveva bisogno di gente come noi per trasmettergli ciò che stava accadendo nella strada.
Cosa ne pensi dei vecchi film anni Cinquanta, e dei ballerini che facevano dei movimenti simili a questi?
Come dice il proverbio: non c’è nulla di nuovo sotto il sole. Beh, sinceramente sono rimasto impressionato quando ho visto che già negli anni Cinquanta erano praticati certi movimenti.  Tuttavia, anche se il concetto della danza in sé è lo stesso, il genere di danza è diverso.  È comunque traordinario  vedere che tutto questo era già praticato molto tempo prima. Ho un grande rispetto per gli artisti del passato, come Bill Bailey, i ballerini di tip tap, e il mimo Marceau.
– Andiamo indietro nel tempo, a metà degli anni Settanta, quando Michael faceva la danza “del robot” con i Jackson 5. Ci sono alcuni che sostengono, che questo movimento sia stato appreso dai  The Lockers. È così?
Conosco molto bene Slim “The Robot”, quindi posso risponderti. Slim era membro dei Lockers,  e mi sono ipirato a lui per fare la mia danza robot. In principio ho studiato per imparare bene i movimenti e poi li ho messi in pratica. A quel tempo, non c’erano le video cassette, quindi bisognava andare sul posto, per vedere direttamente e poi esercitarsi da soli. Ma, il robot fatto da Michael non è il Robot di Slim. Michael ha sviluppato un suo movimento robot osservando i ballerini al Soul Train, come Damita Jo Freeman e altri. Il suo stile di robot è molto più vicino a questi ballerini che a quello di Slim. Il modo in cui rotea i fianchi e si muove ricorda molto le movenze di Damita, poi lui ha aggiunto il suo tocco personale.
– Hai collaboarato con Michael alle coreografie di Bad e Smooth Criminal. Che ricordi hai di quei momenti?
Michael ed io provavamo spesso da soli prima che si unissero gli altri ballerini. Andavo al suo albergo e provavamo fino alle due – le tre del mattino o anche più tardi…. Quando si lavora su progetti così estenuanti, ogni tanto sono necessarie delle pause per potersi rilassare. Così noi due iniziavamo a divertirci facendo dei movimenti strani, e raccontando delle barzellette. Ma a parte questo, Michael era un perfezionista, non diceva mai “sono stanco, vado a dormire”. Finché era in grado di andare avanti, non mollava. Era determinato e voleva essere il migliore. Michael è sempre stato un ballerino dotato di talento, anche prima di eseguire il Moonwalk e del Popping, lui aveva già il suo stile. Michael, inoltre era una persona molto aperta a provare e fare cose nuove, e non diceva mai: “Non mi piace” o “non voglio farlo” … Ma piuttosto domandava “cosa ne pensi, si potrebbe fare così?” Michael aveva una vera etica di lavoro.
– Michael Jackson & Jeffrey Daniel sul lato destro della foto –
Le riprese di Bad, sono state fatte in una parte della metropolitana in disuso. Il posto non era più frequentato da tempo, era molto sporco, e l’ambiente era permeato da un forte odore di urina. Michael esclamò: “È odore di urina, almeno questa è vera!” Scoppiammo a ridere. Durante le audizioni, si vedeva bene quanto i ballerini fossero desiderosi di voler far parte di quello spettacolo, si spingevano fino al nostro tavolo per farci vedere il loro stile, o facevano un movimento che quasi ci sfioravano. Dovevo trattermi per non ridere. Ricordo che un ballerino dopo una “rotazione” finì letteralmente contro lo specchio!
Le coreografie di Smooth Criminal, sono una combinazione di varie influenze. Michael era appassionato di Fred Astaire, così guardammo i suoi film per ispirarci. Guardate i gesti delle mani di Michael, la movenza delle gambe, il costume, il cappello abbassato sul viso … Michael è come se stesse dicendo, “sono Michael Jackson”. Noi, sappiamo che è lui, ma Michael in momento è nel personaggio in sé.
Secondo te, quale è il contributo di Michael allarte della danza?

Prima di MTV, i ballerini jazz erano solo dei ballerini jazz, i ballerini di strada erano dei ballerini di strada, le persone delle commedie musicali erano solo a Broadway. MTV e i video di Michael hanno combinato tutti questi stili. Certo, lui è cresciuto con i Jackson 5, faceva queste danze funky basate su movimenti presi dalla strada, che aveva perfezionato, ma dopo ha aggiunto dei movimenti sullo stile di Bob Fosse. Ha inserito il popping, locking, una cosa che nessun artista aveva fatto prima di lui. James Brown era solo James Brown, e non si muoveva secondo le danze jazz o movimenti del genere musicale di Broadway. Faceva “il funky alla James Brown” e basta. Michael, invece ha incarnato una fusione di tutti questi stili.
FINE
– Fonte: Vibrations Magazine
Traduzione di Grazia28 in esclusiva solo per ONLYMICHAELJACKSON
– VIETATA la riproduzione anche parziale in un altro sito Web, metti un link diretto a questo post. Grazie.

DMCA.com Protection Status

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...