– Michael Jackson Wonder World of Toys –


Michael stava presentando il Dangerous Tour a Tokyo e nel suo breve soggiorno in Giappone, dal 22 dicembre fino al nuovo anno, confidò la sua idea per un parco divertimenti (MJWWT), all’artista giapponese Kenji Koga in modo che il suo progetto fosse mostrato al mondo intero. Kenji racconta l’incontro speciale con Michael Jackson.

Una storia speciale di Kenji Koga

couv

Il 22 dicembre 1992 in un hotel a Tokyo, l’artista giapponese Kenji Koga fece il suo primo incontro con Michael Jackson. In quel momento, si intavolò una conoscenza. Fu l’inizio di questa idea, un surreale viaggio nel mondo della mente, con uno dei più famosi musicisti di tutti i tempi.

Durante i sei mesi prima di incontrarmi con voi oggi, ho pensato all’idea di ‘Michael Jackson Wonder World of Toys’ ( ‘Il fantastico mondo dei giocattoli di MJ’), un parco di divertimenti per i bambini bisognosi di tutto il mondo” spiegò Michael. “Potrebbe illustrare per me l’idea che ho nella mia testa, nei dieci giorni che sono qui?” – disse. Durante una conversazione con Kenji, Michael effuso dal suo desiderio appassionato richiamò l’idea con un suo disegno.

Gli piaceva la creatività con l’entusiasmo di un bambino e molto rapidamente fece uno schizzo, che descriveva in dettaglio alcune sue parti. Kenji si rese conto di aver capito il vero messaggio di Michael ipotecato in questa immagine. Dopo la morte di Michael, Kenji, era dell’idea che l’artista avesse lasciato un messaggio al mondo in questa illustrazione, su quanto amava la gente e il pianeta su cui viviamo; come la lotta invocata per il miglioramento dell’ambiente, in modo che tutte le persone possano vivere in pace e felici.

Nella figura la porta principale del parco disegnata da Kenji con il logo MJWWT, che tanto amava Michael. Sognava che al momento che la porta si fosse aperta, sarebbero iniziati diversi tipi di spettacoli provenienti da tutto il mondo. Kenji propose lo stile barocco, che Michael scelse come un elemento decorativo delle porte. Per decorare la parte superiore della porta, Kenji aggiunse degli ornamenti, tra i quali lo scimpanzé Bubbles, l’animale preferito di Michael. “Prima, ha usato il mio bagno,” disse Michael a Kenji con un ampio sorriso e rise.

Su entrambi i lati della porta e sulle pareti dovevano essere fissati i Jumbotron, enormi schermi prodotti da Sony, per far vedere loro le diverse specie di animali. Michael aveva un grande rispetto per il signor Morita, l’allora presidente della società. “Ho disegnato questa immagine perché Michael disse: ‘Abbiamo sicuramente bisogno di mettere Jumbotron sui muri!’ ” dice Kenji.

Michael fece il bozzetto alla vigilia di Natale, il 24 dicembre 1992 per Kenji, che confessò in un primo momento di non capire le sue idee.

Michael descrisse anche lo scopo degli edifici in pietra in stile gotico. Questa figura illustra un frammento della sua idea sulla progettazione di opere architettoniche. In particolare egli descrisse il progetto della fontana.

Su entrambi i lati ci sono degli angeli su richiesta di Michael. Gli spettatori possono godere della vista presso l’arena del ghiaccio, seduti ai piani superiori e cenare. Michael disse: “La pista avrà le luci sullo sfondo del crepuscolo. C’è un numero enorme di piccole lampadine e tutta l’arena è piena di luce che si diffonde nell’aria. Come l’idea … e, se, sul ghiaccio fosse presente il logo?” – Chiese.

Come si può vedere, un sacco di fuochi d’artificio si librano nel cielo notturno, un albero di Natale brilla di luci magiche nel centro, e una fontana, la cui base è costituita da elefanti.

Per qualche ragione, Michael insisté molto sulla presenza di un albero di Natale, una fontana e i fuochi di artificio. “Vorrei che tu disegnaste le persone sulla pista di pattinaggio, e di fronte a loro bambini provenienti da paesi diversi. E ancora più importante, la luna piena, voglio una grande luna piena.”

Il conto alla rovescia per il nuovo anno, si tenne presso il Tokyo Dome la notte precedente. Michael lo lasciò presto per incontrare Kenji e raccogliere i disegni finiti prima di tornare negli Stati Uniti. Durante la consegna dei disegni, vestito in pigiama stile casual, i suoi occhi si riempirono di lacrime. Tre ore dopo, Michael era sulla strada per l’aeroporto di Narita.

LV (555x336, 328Kb)

Una vera e propria fonte di ispirazione e il significato di “Il fantastico mondo dei giocattoli di MJ” non è ancora stato studiato, ma sia come sia, terrò nei miei ricordi quei fantastici dieci giorni con Michael, che riposi in pace, e credo che dipinse “Il fantastico mondo dei giocattoli di MJ “, nella sua immaginazione, come se il pianeta terra fosse un grande giocattolo,” – dice Kenji Koga.

FINE

Fonte: Magazine “LVH”, maggio 2014

Grazie a Tally777

Traduzione di Grazia28 per ONLYMICHAELJACKSON

– Vietata la riproduzione anche parziale in un altro sito Web, metti un link diretto a questo post. Grazie.

DMCA.com

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...