“Questo è Michael” By David Nordah


Ho incontrato Michael nel marzo 1988. Prima di allora avevo dipinto per Steven Spielberg diversi quadri che ha appeso nel suo ufficio. Nel mese di gennaio, Steven mi chiamò e disse che avrei ricevuto una telefonata dall’attore Jon Voight – dato che era sinceramente interessato al mio lavoro.
Poco dopo, ricevetti una chiamata da una segretaria di qualcuno da Los Angeles – mi chiese di inviare le foto dei miei dipinti per il suo capo il cui nome doveva tenere anonimo. Pensai che fosse la segretaria di Jon Voight. Inviai una serie di foto e una brochure sulla mostra, che avrei tenuto a Scottsdale, in Arizona, la seconda settimana di febbraio.
Una sera, sul tardi, un paio di giorni dopo il ritorno dalla mostra, stavo lavorando a casa. A un certo punto tra la mezzanotte e l’una della notte squillò il telefono. Di solito, se a quell’ora il telefono squilla, c’è una situazione di emergenza in famiglia, o qualche ubriaco ha fatto il numero sbagliato. Ma con mia sorpresa, la voce all’altro capo del filo, disse, “Sono Michael Jackson.” Non ho avuto alcun dubbio sul fatto che si trattava di uno scherzo di qualcuno. Bene, come mai improvvisamente Michael Jackson mi ha chiamato? La voce disse: “Grazie per avermi inviato le foto dei suoi lavori.” A questo punto smisi di fare lo sciocco, collegai gli eventi e mi resi conto che le foto non le avevo inviate a Jon Voight, ma a Michael Jackson. Dopo essermi ripreso dallo shock iniziale, tenni con Michael una lunga conversazione piacevole.
Durante la conversazione della durata di un’ora, Michael mi chiese se davo lezioni di disegno. Risposi negativamente; poi mi chiese se ero d’accordo a dargli delle lezioni. Gli spiegai che ero molto impegnato per la prossima mostra e che il tempo a mia disposizione era limitato. Gli chiesi di darmi alcuni giorni per pianificare il programma.
Un paio di giorni dopo, sentii in TV che Michael Jackson stava per aprire il Bad World Tour a Kansas City, Missouri. Pensai che in questo caso, sarebbe stato troppo occupato per prendere lezioni di disegno. Ma con mia sorpresa, chiamò l’assistente di Michael, Jolie, dicendo che Michael non vedeva l’ora di fare il nostro incontro e mi dette un elenco di città in cui avrebbe suonato. “Scelga una qualsiasi,” – disse, e io scelsi Denver, Colorado, perché non era lontano dal New Mexico. Presto, Michael chiamò e mi chiese di raccogliere tutto il necessario – cavalletto, illuminazione, colori, ecc – e di inviare il materiale all’hotel dove alloggia. E così feci.
Michael aveva ordinato per me una limousine presso l’aeroporto, distante 67 miglia dalla mia casa a Santa Fe. All’aeroporto di Denver aspettai un’altra limousine per il trasferimento in albergo. Per i seguenti cinque giorni a Denver ebbi a mia disposizione un autista personale. Quando arrivai in albergo, il personale era in fila davanti alla porta a salutarmi. Buon Dio, non ero mai stato accolto così calorosamente in un hotel!
I miei materiali artistici erano già arrivati e mi aspettavano nella stanza. Iniziai a disfare le cose, e poi il telefono squillò. Jolie disse che Michael non vedeva l’ora di incontrarmi: infatti chiese se poteva scendere giù immediatamente. “Certo” – risposi.
Poco dopo, Michael, insieme a una guardia del corpo, Chuck, apparve sulla soglia della mia stanza. Michael di solito è molto timido, così Chuck rimase con noi i primi minuti. Quando vide che Michael era a suo agio nella mia stanza, si scusò e ci ha lasciati soli. Arrivai a Denver il martedì, quindi prima del concerto di Michael avevamo tre giorni. Abbiamo visitato i musei d’arte, librerie e siamo persino andati in una proiezione privata di manufatti egizi al Denver Museum of Natural History. Abbiamo anche disegnato a matita e pitturato, e in generale è stato un grande momento insieme. Michael si è dimostrato intelligente, attento, una persona simpatica e, soprattutto, era molto divertente stare in sua compagnia. Aveva un grande senso dell’umorismo.
Alla fine arrivò la sera del primo concerto. Lasciammo l’albergo in anticipo – circa un’ora e mezza prima dell’inizio. Allo stadio andammo con tre minibus – fu una vera corsa di velocità a oltre 70 miglia all’ora, accompagnati da due auto della polizia a sirene aperte e da un auto con due signore giapponesi, che sembravano fermamente intenzionate ad arrivare insieme a noi.
Quando arrivammo allo stadio, Michael immediatamente andò in una zona dove c’era appeso un cartello “è severamente vietato l’ingresso.” Lì, dietro tende partizione ho visto bambini in sedia a rotelle, alcuni di loro erano con infermieri, altri – con le loro famiglie, e qualcuno anche con delle maschere di ossigeno. Più tardi seppi che un bambino era morto, proprio mentre era con Michael. Erano tutti bambini gravemente malati, il cui ultimo desiderio era quello di incontrare Michael. Questa visione mi spezzò il cuore.
Dopo il concerto, chiesi a Michael come poteva trascorrere del tempo con questi bambini che stavano morendo, e poi presentarsi sul palco e fare quelle performance. “Come posso non farlo?” – disse. Imparai che Michael era sempre disponibile per i bambini malati e morenti. Se riceveva una telefonata da qualche bambino che stava morendo, saliva su un aereo e andava da lui. Spesso aveva lasciato qualcosa delle sue cose – un guanto o un cappello – e promise al bambino che sarebbe tornato a tempo debito per una nuova visita. Michael disse: “So che io sono solo una persona comune, ma Michael Jackson – è una Superstar e se posso prolungare la vita di questo bambino per un minuto o un’ora o un giorno, o un mese, ne sarà valsa la pena.” Ho ammirato la sua capacità di compassione.
Sono stato nella mia vita a molti concerti e tutti sembrano essere attratti da una certa fascia d’età. Così rimasi sorpreso dalle differenze di età, che ho visto al concerto di Michael. C’erano bambini, adolescenti, giovani genitori, persone di mezza età e anziani, anche!
Quell’estate, Michael mi invitò a trascorrere un po’ di tempo nel suo ranch. Aveva appena comprato una tenuta di 2.800 acri a nord di Santa Barbara. Fu un momento molto interessante. La tenuta era trascurata, e fu necessario mettere in ordine. Inoltre, Michael aveva progettato ogni sorta di intrattenimento. Quando arrivai, lo stagno era già stato pulito, la superficie sistemata con nuovi piante, un nuovo cancello, una sala cinema, c’era solo da ultimare la giostra e il treno che avrebbe dovuto portare i bambini alle attrazioni. Michael spiegò: “Voglio che i bambini si sentano speciali quando arrivano qui. Voglio che si divertano per non pensare che solo malati”.
Il ranch non era solo un luogo ideale, dove Michael poteva muoversi liberamente senza protezione, ma anche il suo dono per i bambini che avevano davvero bisogno di un’esperienza gioiosa della vita. Tutte le attrazioni del ranch erano accessibili ai bambini disabili, erano state modificate in modo che piedi, braccia e capelli non potessero impigliarsi nelle apparecchiature. Inoltre, ogni sei mesi, il personale che si occupava delle attrazioni si recava a Kansas City per ricevere una formazione speciale per assistere i bambini con disabilità.
Michael ed io abbiamo lavorato anche su progetti per il parco acquatico e degli appartamenti in Neverland, dove i bambini malati con le loro famiglie e i medici avrebbero potuto rimanere per la notte. Michael sapeva che i bambini gravemente malati avrebbero recuperato meglio in un clima di speranza, pensieri positivi, risate e magia. I seriosi reparti tranquilli provocano la depressione, non la gioia, mentre la gioia, secondo Michael, aveva poteri di guarigione.
Gli appartamenti a Neverland, su idea di Michael, dovevano avere ampie finestre panoramiche e la vista di una capanna nel bosco. Michael voleva fare grandi finestre, perché sapeva che i bambini malati sono spesso incapaci di dormire e anche di svegliarsi durante la notte nella paura. Aveva previsto di installare un cinema all’aperto con una grande schermo Sony, visibile attraverso le pareti di vetro degli appartamenti. Tutta la notte sarebbero stati trasmessi cartoni animati così nel caso i bambini si fossero svegliati, c’era qualcosa per distrarli.
Più tardi, nel 1994, Michael mi invitò a New York, e lo aiutai a ideare e realizzare un progetto. Vivevo con lui e Lisa Marie nella Trump Tower di New York City. Mi capitava spesso di viaggiare con Michael per aiutarlo nel suo lavoro sui progetti. A quel tempo, Michael aiutò molte persone e bambini nell’est Europa (in particolare nei Balcani/Sarajevo). Costruì una sede e patrocinò l’invio nella regione di un velivolo con medici e forniture mediche.

aAfkjfp01fo1i-18130/loc44/748441237_IMG_84029_122_44lo.jpg

Michael e Lisa Marie portarono negli Stati Uniti un bambino, e pagarono per lui l’operazione necessaria. L’intervento chirurgico costava 125.000 dollari, ma quando è stato reso noto che a pagare era Michael e Lisa Marie, il prezzo improvvisamente salì a 250 000. Un uomo che fa tanto del bene, per Michael tali atti erano difficili da capire.
Poco dopo che ci eravamo conosciuti Michael mi disse, “Tutti siamo posti sulla Terra per fare qualcosa. Il mio compito – è aiutare i bambini. E mi sento così fortunato di essere stato scelto per avere questo talento. Mi permette di fare quello che ho sempre voluto. “
Per due decenni, la mia amicizia con Michael non è cambiata. Siamo sempre stati spinti dal desiderio di aiutare i malati, gli oppressi, gli abbandonati, i bambini poveri e l’ambiente. E nonostante la gente lo accusasse, amava i bambini. Michael ha vissuto per il bene dei bambini. Erano la cosa più importante della sua vita; Per lui erano il senso della vita. Tutto il lavoro di Michael è stato dedicato ai bambini – bambini di tutto il mondo, o il bambino in ognuno di noi.
Si dice che durante la sua breve vita Michael abbia donato più di 300 milioni di dollari in beneficenza. So personalmente di molte operazioni caritatevoli per i bambini malati o disabili, che ha pagato. Per me è difficile da sopportare la perdita di Michael, ma ancora più importante, il mondo ha perso uno dei suoi personaggi più preziosi e filantropi.
Vorrei che il mondo conoscesse questo Michael. Michael ha sempre detto che se si parla delle buone azioni, allora tutto il bene fatto svanisce nel nulla, così delle sue opere umanitarie, non ne discuteva mai.
Nessuno saprà mai davvero quello che Michael ha fatto per questo pianeta e per i bambini. Il mondo non saprà mai che cosa ha perso, perché esso non ha lasciato Michael fare questo lavoro, e ha privato in modo ingiusto il futuro non solo di Michael, ma anche a tutti noi.
FINE
Fonte:“A Life For Love”
Traduzione di Grazia28 per ONLYMICHAELJACKSON

– Vietata la riproduzione anche parziale in un altro sito Web, metti un link diretto a questo post. Grazie.

DMCA.com

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...