“JET” Agosto 1974


“Super fantastico!”
“Senza dubbio uno degli spettacoli più belli di quest’anno a Las Vegas!”
“Non mi aspettavo uno spettacolo così entusiasmante da un gruppo di ragazzi!”
“Il primo grande spettacolo di quest’anno!.”
“Mi sono piaciuti i due bambini – sono i migliori. E molto svegli!”
Per chi sono queste magnifiche recensioni?  Che ci crediate o no, sono i Jackson Five – Ops! Scusate, mi correggo: “I Jackson Five più tre.”
A questo punto, i Jackson Five della Motown, dopo il trionfo dei concerti di queste due settimane a Las Vegas, non possono più essere definiti “idoli da ragazzine”, o semplici “debuttanti” (Jackie, 23, Tito, 20; Jermaine, 19; Marlon, 17, e Michael) – ma una band che riesce a intrattenere tutta la famiglia, e dà gioia a un pubblico di tutte le età. E con i tre talenti più giovani della famiglia (le sorelle LaToya, 18, Janet, 8 e Randy, 12), ora sono otto in totale, potrebbero essere ribattezzati Jackson Five Revue.
Quando lo scorso aprile, hanno debuttato all’MGM Grand Hotel, la prima cosa che è saltata agli occhi di molti  è stata la bravura di ognuno e il loro reciproco affiatamento. I critici e persino i dirigenti dell’hotel si sono chiesti cosa attirasse un pubblico di adulti, e milioni di adolescenti americani, in Africa, Giappone, Australia ed Europa.
Ma l’enigma è stato risolto facilmente. A parte la scioltezza sul palco, i brani cantati di grande successo tra cui Dancing Machine (disco di platino), ABC, I’ll Be There e Never Can Say Goodbye, i J5 propongono un sorprendente medley di alcune famose canzoni delle Supremes, Andrews Sisters, i Four Freshmen e i Mills Brothers.
Lo spettacolo rivisitato è inframezzato da battute umoristiche, ( ironizzando anche su chi sia il leader dei J-5) e dai balletti con La Toya, la brava e bella sorella del gruppo. Ma il momento clou dello spettacolo, sono gli sketch di Randy e Janet – che con l’imitazione di Sonny&Cher e Mickey&Sylvia – i piccolini della famiglia, strappano l’applauso rubando i cuori del pubblico in sala.
Perfino Mark Tan di Hollywood Reporter ha scritto che “i Jackson sono qualcosa di più di un semplice gruppo musicale. Il loro talento naturale e lo spettacolo in pieno stile Las Vegas è garanzia di divertimento per tutta la famiglia. Si può vedere bene che fanno tutto con grande entusiasmo, gioia e poi sanno fare un po’ di tutto! Questi ragazzi sono le nuove superstar degli anni Settanta e indiscussi campioni di successi.”
I dirigenti dell’hotel sono molto  soddisfatti del tutto esaurito che i Jackson Five Revue hanno fatto all’MGM Grand Hotel.
Bernie Rothkopf, responsabile degli spettacoli dell’hotel, ha detto “un’invasione di fan sono venuti qui per vedere i J5, e la sala del teatro mai era stata così gremita di gente.”
Il grandioso spettacolo ha avuto anche il suo momento suggestivo quando i J5 si sono visti consegnare le chiavi della città di Las Vegas dal sindaco Oran Gragson.
Sul consenso di un pubblico di adulti, Michael ci ha detto, “Las Vegas è nel circuito delle sale teatrali più difficili da conquistare, quindi siamo molto contenti della nostra riuscita. Se lo spettacolo va bene a Las Vegas, allora possiamo sognare di portarlo in tour ovunque.”
“Quando ci siamo esibiti all’MGM, l’artista che ci ha preceduto, non ha avuto una buona accoglienza, eppure era un cantante molto famoso con una datata carriera artistica”, ha detto Michael. “Ma noi abbiamo fatto tutto esaurito ogni sera dello spettacolo.”
Jackie, il fratello maggiore ha detto che tutta la famiglia era fiduciosa su una accoglienza positiva dello spettacolo da parte del pubblico di Vegas Strip. “Non avevamo dubbi sulla riuscita dello spettacolo, perché è stato creato per questo particolare pubblico e quindi destinato ad avere consensi positivi. Credo che lo spettacolo sia piaciuto, perché è fatto da giovani artisti per un pubblico adulto. Avvicinare generazioni distanti è qualcosa di meraviglioso.
Joseph Jackson, il padre dei ragazzi, è anche il manager dei Jackson Five Revue. La sceneggiatura dello spettacolo è di Buz Kohan e Bill Angelos, la musica di Larry Cansler, le coreografie sono di Carl Joblonski, e Bob Sansom e Ruth West i designer. A proposito dello spettacolo e il successo dei figli, Jackson (papà Joe) ci ha detto, “Sono molto, molto, molto orgoglioso di tutti loro. Un dono del Signore!.”
“Io e mia moglie (Katherine) oltre a crescerli bene, abbiamo cercato di offrirgli ogni opportunità per sviluppare i loro talenti. I ragazzi si sono impegnati molto, per preparare questo spettacolo. Il successo a Las Vegas è frutto della collaborazione di tutta la famiglia. Sicuramente porteremo in tournee lo spettacolo in molte altre città americane. Orgoglioso dei suoi figli, Joseph Jackson dice che il successo è più che meritato!
FINE
 Traduzione di Grazia28 in esclusiva solo per ONLYMICHAELJACKSON
VIETATA la riproduzione anche parziale in un altro sito Web, metti un link diretto a questo post. Grazie.

DMCA.com Protection Status

 

Annunci