“The Michael Jackson Nobody Knows” – Ebony – Dicembre 1984


By Robert E. Johnson
ebony magazine dicembre 1984_Pagina_1_Immagine_0001Leader energico e carismatico del gruppo i “The Jacksons” – che ha tenuto nel 1984 il tour “Victory” raccogliendo il maggior numero di pubblico ai suoi concerti e ha venduto il maggior numero di biglietti nella storia dello spettacolo – Michael Jackson è un uomo straordinario, senza alcuna relazione a una categoria.
Nonostante il fatto che sia ammirato ed è stato un artista eccezionale per vent’anni, il ventiseienne   cantante/compositore/ballerino e attore non è stato percepito come una superstar fino a qundo il suo album Thriller, non è diventato l’album più venduto di tutti i tempi. Dopo di che, su di lui molto è stato scritto, ma l’uomo che sta dietro alla superstar rimane un mistero ed un enigma per la stampa.
Nella stampa bianca Michael Jackson è ritratto principalmente attraverso pettegolezzi, rumors, menzogne e talvolta, calunnie, ma non è il Michael Jackson, che ho visto e di cui ho scritto dal momento che è emerso dall’anonimato dalla città dell’acciaio di Gary, Indiana, nell’anno 1970. Il Michael Jackson che nessuno conosce – è caldo, sensibile, timido, profondamente affascinato dai misteri della vita, i miracoli e la magia che i bambini possiedono. Qualche mese fa, mi ha detto che è stanco del diluvio di false pubblicazioni sulla stampa bianca. Ciò che ha detto poi si riflette nella straordinaria dichiarazione, la dichiarazione rivelatrice, che è stata letta durante la conferenza stampa dal suo manager, Frank Dileo:
“Da qualche tempo, mi chiedo se sia opportuno o meno rispondere pubblicamente alle numerose false notizie diffuse su di me. Ho deciso di fare questa dichiarazione per affrontare le iniquità di tali accuse che causano traumi considerevoli per la mia famiglia.
Mi considero fortunato giacché il mio lavoro è ampiamente apprezzato. Questo riconoscimento, però, comporta delle responsabilità nei confronti di tutti i miei fan in tutto il mondo. Gli artisti dovrebbero sempre essere un modello ed esempio per le giovani generazioni. Mi rattrista che molti ragazzi possano davvero credere alla raffica di false accuse che mi riguardano.
Questo deve finire, e intendo proprio FINIRE:
No! non ho mai preso ormoni per mantenere acuto il mio tono di voce!
No! non ho mai alterato in nessun modo gli zigomi!
No! non ho mai subito un intervento di chirurgia estetica agli occhi!
SI’!!, un giorno, in futuro, vorrei sposarmi e avere una famiglia.
Ogni altra affermazione al riguardo è semplicemente falsa. Ho fatto sapere ai miei avvocati che sarò pronto a intentare un’azione legale e arrivare al processo. Come ho già avuto modo di dire, amo i bambini. Tutti noi sappiamo che i bambini sono impressionabili e quindi sensibili a questo tipo di storie. Sono sicuro che alcuni di loro siano stati già feriti da questa terribile calunnia. Oltre alla loro ammirazione, io vorrei guadagnarmi anche il loro rispetto”.
Michael Joseph Jackson, il cui secondo nome è il primo nome di suo padre, ha guadagnato il rispetto nel tradizionale modo – come si è guadagnato il titolo di “il più grande artista nel mondo”. Il suo album “Thriller” ha venduto 35 milioni di copie e continua a vendere bene. Ottiene 2 dollari dai 5 dollari, prezzo di vendita dell’album –  che ammonta a circa 70 milioni di vendite in tutto il mondo.
Ha fondato e dirige una società che è impegnata nelle sue iniziative imprenditoriali – tra cui Michael Jackson Inc., che gestisce il reddito dal suo album e prodotti video; Experiments In Sound, che si occupa di nuove tecnologie in registrazioni e Optimum Productions che produce i suoi video musicali e versioni video per altri artisti. Ha vinto il maggior numero di premi nel campo della registrazione audio e video, ha ottenuto un numero inedito di otto American Music Awards e un record di otto Grammy Awards e il premio Video MTV.
Nato il quinto di sei figli di talento di Joseph e Katherine Jackson a Gary, Indiana ventisei anni fa, il 29 agosto 1958 – secondo lui è una persona positiva e creativa, ispirata da una profonda preoccupazione per tutta l’umanità e l’amore indistruttibile per la sua professione. Il suo amore per i suoi fan che sono diventati i suoi ammiratori, forse, non ha eguali.
L’amore ha aiutato Michael a sopportare uno dei tour più duri della sua carriera. Anche se il tour Victory del gruppo i Jacksons, come previsto, è stato quello di raccogliere più di 70 milioni di dollari, Michael non è apparso per l’amore dei soldi. Ha detto che lo ha fatto per l’amore della famiglia, fan e attività di beneficienza. Anche se è stato ipotizzato che i suoi genitori, che hanno organizzato con l’impresario di boxe Don King – guadagnano 5 milioni di dollari, e ogni fratello ha guadagnato 7.5 milioni di dollari, Michael ha annunciato che la sua quota di risultato del concerto andrà a tre cose utili. Queste sono l’United Negro College Fund (UNCF), Camp Good Times per i bambini malati terminali e la Fondazione TJ Martell per il trattamento della leucemia e il cancro.
Anche lui ha dato i soldi dalla vendita dell’album speciale “Let’s Beat It” per beneficienza. Lo fa, come dice lui, perché i bambini lo hanno ispirato a scrivere la hit “Beat It”. “I bambini sono la mia più grande ispirazione in tutto ciò che faccio”, ha detto Michael. “Io amo i bambini – sono pazzo di loro. Volevo scrivere una canzone, una canzone rock, quello che avrei comprato… Volevo che piacesse ai bambini, studenti e ragazzi universitari”, ha detto il cantautore attento le cui due opere preferite sono lo Schiaccianoci di Tchaikovsky e Pierino e il lupo.
Ha parlato della canzone Be Not Always, che ha scritto con il fratello Marlon. In una dolce canzone sentimentale inclusa nell’album Victory, Michael in lacrime implora di cambiare il mondo, in cui “le madri piangono, i bambini impotenti muoiono tra le sue braccia”. Ha detto che tutti i suoi fratelli, nutrono sentimenti simili verso i bambini, “non solo io.”
Ricordando che la superstar del passato Josephine Baker, l’artista, che ammirava, era come le “Nazioni Unite” aveva adottato tutti i suoi figli, Michael sorride ampiamente e dice con fiducia: “voglio avere figli miei, ma ho intenzione di adottare bambini di tante razze, come posso. Sono davvero intenzionato di farlo. Io amo i bambini. Come Emmanuel Lewis (piccolo di 12 anni, attore della serie televisiva “Webster”), è una vera fonte d’ ispirazione per me”.
Niente, tuttavia, ispira l’artista eccezionale più della sua famiglia e i fan. Ha detto di questo, poco dopo che i giornali hanno cominciato a circolare i rapporti che ha infranto il successo dell’album Thriller e un numero enorme di premi musicali, tra cui American Black Achievement Award di Ebony.
“Sono stato in grado di battere molti record con Off The Wall, e io sono il cantante da un lungo periodo di tempo del gruppo, e ora Thriller che è diventato il più venduto – nonostante tutto questo, non ho ‘intenzione di lasciare’ “, ha detto Michael riferendosi ad una voce, che stava per lasciare i Jacksons dopo il Tour. “Sono i miei fratelli [Jackie, Jermaine, Tito, Marlon e Randy] e io li amo tutti, e credo che la stampa sia alla ricerca di qualcosa per vendere i giornali, in modo che inventano alcune cose, o le distorcono”.
All’inizio del tour Michael ha detto: “Lo faccio per il divertimento di essere in tour, e stare con la famiglia e per il bene dei bambini, che hanno comprato i nostri dischi. Sono “dipendente” alla scena. La mia vita è sul palco. “
Una volta, durante un’intervista nella sua casa in California, dove vive ancora con i genitori e la sorella LaToya, Michael ha detto: “Mi piacerebbe che citassi: ‘La ragione principale del mio amore per quello che faccio – sono i fan. Quando parlo, e vedo i fan ballare e piangere, ammirando, che do loro piacere – questo è ciò che amo di più. Questa è una sensazione più incredibile del mondo. Tu stai lì, sul palco, a dare loro l’energia e amore e loro non fanno altro che ricambiare con il loro amore. È fantastico. È la cosa che amo di più del mio lavoro, è stare sulla scena e rendere felici i fan”. 2L’intervista continua, e Michael ha detto un sacco di cose, che rivelano ciò che la stampa ha ignorato inseguendo le voci. Ecco alcune delle sue dichiarazioni:
EBONY: Hai a che fare con sacco di stress e la pressione su di te nel settore dello spettacolo. La gente ti chiede qualcosa e ti fa diverse proposte da tutti lati. Come fai a far fronte allo stress e questa pressione?
MICHAEL: Ho a che fare con esso in qualche modo … io non mi definisco Gesù, perché non potrei mai pensare a lui a questo livello, ma vorrei confrontare questo con Gesù, perché ciò che Dio gli ha dato, è stato per qualche motivo e ha predicato e la gente è andata da lui, e lui non era arrabbiato, non li ha respinti, dicendo, “lasciami in pace, non ho tempo”.
EBONY: Ma dovrai soddisfare i fan, che ti hanno fatto pressione e ti irritano.
MICHAEL: Sono arrabbiato, a volte perché ci sono persone che vengono da me e si comportano troppo male e dicono “Siediti, a firmare questa fotografia per il mio bambino” essi comandano. Io dico: “Hai una penna?” e loro “Non hai una penna? Beh, è pretendere un po’!”  Davvero mi parlano così …. Alcune persone mi stupiscono. Pensano che appartieni a loro. E ti dicono: “Guarda, è grazie a me che sei diventato quello che sei”. Io dico: “Aspetta un attimo. Hai comprato l’album non solo per aiutare me. L’hai comprato perché ti piace, è così”.
EBONY: Sei considerato come un modello di riferimento. Una volta sei apparso nella biblioteca pubblica a Chicago, per incoraggiato i bambini e gli adulti a leggere e hai dato un segnalibro con una tua dedica. Ti piace ancora leggere?
MICHAEL: Mi piace leggere. Vorrei consigliare le persone a leggere di più. I libri – sono un mondo intero. Se non è possibile viaggiare – si può viaggiare mentalmente attraverso la lettura. Si può vedere ciò che si vuole e raggiungere qualsiasi luogo, ciò che si vuole, con l’aiuto di libri.
EBONY: Ti capita di leggere qualcosa legato alle esperienze di vita di persone nere, la storia del nero?
MICHAEL: Oh sì! Sono molto grato a John H. Johnson per quello che ha fatto, ha pubblicato un libro per la casa editrice Johnson. Penso che sia una cosa molto buona, mostrare che contribuiamo molto a fare qualcosa per l’umanità. Molte persone pensano –  che non abbiamo fatto nulla.
EBONY: Che cosa ti aiuta ad essere consapevole su quello che nei nostri giorni, fanno, dicono e pensano i neri? E chi sono le persone in aggiunta alla tua famiglia e le persone care che influenzano il tuo modo di pensare?
MICHAEL: Mi piace il modo in cui il signor Johnson gestisce la sua attività … Sembra che siano tutte persone molto simpatiche. Certamente ci sono argomenti e tutta quella roba, ma tutte le persone sono molto simpatiche … e hanno una grande influenza sui giovani. Le persone sono guidate da ciò che scrivono su Ebony e JET. Ricevono informazioni da queste due riviste – come anche i bambini. Ho detto, dove l’hai letto? Su JET. E JET e Ebony li aiutano ad essere consapevoli di ciò che sta accadendo. Penso che sia fantastico … Mio Dio, ammiro gente come Johnson e Walt Disney. A mio parere, sono fenomenali.
EBONY: Si parla di come la tua vita sia influenzata dai libri e persone diverse. In che misura viaggiare forma il tuo atteggiamento verso la vita, le tue opinioni?
MICHAEL: Penso che prima di iniziare a farsi una famiglia, se si può, si dovrebbe cercare di viaggiare in tutto il mondo. Questa è la più incredibile istruzione che io abbia ricevuto. Penso che sia fenomenale. Insomma, per vedere la cultura di diverse nazioni, volti diversi, parlare con la gente e imparare … Quando viaggio, sono rimasto affascinato da esso. Quando sono andato in Svizzera, quasi mi sono messo a piangere. Davvero.
EBONY: Cosa c’è in questo viaggio ti ha toccato, e suscitato tanta emozione?
MICHAEL: La bellezza. Questo, o Dio, si vuole solo urlare al cielo. È un paese incredibile, e mi ispiro alla vista di queste montagne. Le immagini non trasmettono la bellezza della Svizzera. E poi ci sono i Paesi Bassi e la Francia, Dio, e sono sorprendenti, anche! …
EBONY: Ovviamente, quando sei in viaggio, sei qualcosa di più di un turista, tu sei l’osservatore.
MICHAEL: Beh, molte persone visitano solo la città quando viaggiano. E, invece dovrebbero uscire e vedere il paese reale. Ovunque tu vada, si possono incontrare le opere d’arte create dall’uomo, ma è meglio vedere la bellezza creata da Dio.
EBONY: Quali sono i paesi che ti hanno colpito di più durante un viaggio?
MICHAEL: Vorrei precisare quanto segue. Ho sempre creduto che in tutto ciò che riguarda l‘arte, i neri – sono una razza umana di talento, ma quando sono andato in Africa, ero ancora più convinto di questo. Stavano facendo cose incredibili [Paesi dell’Africa occidentale, tra cui il Senegal]. Siamo arrivati in un posto in pianura, dove gli africani vendono i loro manufatti artigiani. Sono andato in una capanna, dove l’uomo ha fatto sculture meravigliose … prese un pezzo di legno e un aggeggio, come un grosso coltello e cominciò a tagliare, e ero appena seduto lì ….ipnotizzato. Ha scolpito una grande faccia …la immerse nell’acqua, essiccata e me l’ha data, e l’ho pagato.
EBONY: Sembra che l’arte africana abbia fatto una grande impressione su di te; e la musica africana e la danza?
MICHAEL: Quando siamo scesi dall’aereo in Africa – Dakar – Senegal, siamo stati accolti da una lunga serie di danzatori africani. Il suono dei loro tamburi riempiva l’aria con il ritmo. Ero come pazzo, io urlavo, ho detto – “Fantastico!” Hanno una melodia, hanno un ritmo. Ero così felice. Ho detto, ‘ecco da dove vengo. Qui ci sono le mie radici.’
EBONY: È ovvio che le tue radici musicali ti hanno impressionato; secondo te, da dove gli africani affondano l’ispirazione musicale?
MICHAEL: La musica ha origine in natura. La musica è parte della natura. Gli uccelli fanno musica. Allo stesso modo gli oceani e il vento crea musica. Ogni suono naturale è musica. Ecco l’inizio. Sai, dobbiamo solo copiare la natura, i suoni che sentiamo in natura.
EBONY: Il tuo viaggio in qualche modo ha influenzato cosa pensi delle razze umane?
MICHAEL: Quello che io odio la maggior parte di tutti – è l’ignoranza, come il problema del pregiudizio in America. So che in alcuni altri paesi è ancora peggio. Ma vorrei prendere, per esempio, in Venezuela o Trinidad il vero amore indifferente al colore della pelle delle persone, e trasferirlo in America.
EBONY: Stai facendo delle osservazioni molto emotive. Continua, per favore.
MICHAEL: Ho un pregiudizio contro l’ignoranza. Io fondamentalmente ho solo un pregiudizio contro di esso. Tutto questo è solo ignoranza che è stata imposta sul popolo, perché non c’è nulla di genetico. I bambini in quei paesi non hanno pregiudizi. Mi piacerebbe che tu scrivessi di questo, anche. Non ho assolutamente nessuno tale pregiudizio. Credo che la gente dovrebbe pensare di più a Dio e la sua creazione. Guardate tutte queste meraviglie nel corpo umano – organi di diverso colore, il colore del sangue – tutti questi diversi colori fanno cose diverse nel corpo umano. Questo è il più incredibile sistema esistente, l’essere umano e se può accadere nel corpo umano, perché noi esseri umani non possiamo farlo? Questo è quello che sento. E mi piacerebbe vedere che il mondo intero pensasse più su di esso e fare qualcosa. È il pregiudizio l’unica cosa che odio. Davvero.
EBONY: Quello che hai appena detto non è solo appassionate, ma anche convincente. Come fai a trasmettere questi tuoi sentimenti alla gente, se non ti presenti in pubblico a esprimere le tue opinioni pubblicamente?
MICHAEL: Provo a scrivere, a metterlo in una canzone. Metterlo nella danza. Metterlo nella mia arte, per insegnare a questo mondo se i politici non possono farlo, desidero farlo. Dobbiamo farlo. Gli artisti – lo esprimono nei loro dipinti. I poeti – nelle loro poesie, romanzi. Dobbiamo fare questo. Credo che sia molto importante per salvare il mondo.
EBONY: Stevie Wonder condivide a quanto pare sentimenti simili, a giudicare da alcuni suoi “messaggi musicali”.
MICHAEL: Ecco perché mi piace l’album di canzoni più popolare di Steve Wonder “Key of Life”. In questo album c’è una canzone “Black Man” … ho solo saltato e gridato quando ho sentito questa canzone, perché dimostra al mondo cosa ha fatto la gente nera e quello che hanno fatto altre razze, e mantiene un equilibrio perfetto, riferendosi ad altre razze e quello che hanno fatto. E poi rivela ciò che ha fatto l’uomo nero. Piuttosto che chiamarlo in qualche altro modo, lo chiama “Black Man”. Che è quello che mi piace molto. Questo è il modo migliore per raccontare la verità attraverso una canzone. Questo mi piace molto.
EBONY: Sembra che tu non abbia alcuna obiezioni ai messaggi nelle canzoni, se questi sono positivi. La tua musica, in contrasto con le opere di alcuni artisti, rimane pura dalla glorificazione della droga. Ma la droga – è una realtà. Qual è la sua opinione a riguardo?
MICHAEL: In un ambiente dove sono io, non è mai abbastanza, e me la offrono tutto il tempo. La gente può perfino arrivare a …. far scivolare qualcosa in tasca e andare via. Dopo tutto, se si trattasse di qualcosa di buono, non lo avrebbero fatto … cioè, chiunque può gettare qualcosa di buono o nella mia tasca e correre via? Ma io non voglio avere niente a che fare con qualcosa di simile. Voglio dire, che suona abbastanza banale, ma è quello che credo davvero: il piacere naturale – il piacere è il migliore del mondo … Chi ne ha bisogno – di prendere qualcosa e semplicemente sedersi tutto il giorno dopo che ha accettato – la droga – e non sapere chi sei, cosa stai facendo e dove sei? Meglio prendere qualcosa che li ispirerà a creare le più grandi nel mondo.
EBONY: Per te, Dio e la religione hanno a che fare con il processo di raggiungimento di un piacere naturale?
MICHAEL: Oh, Sì, Dio, naturalmente. Credo nella Bibbia e cerco di seguire la Bibbia. So di essere una persona imperfetta. Non lo faccio da angelo, perché non sono un angelo, ma io non sono il diavolo. Io cerco di essere migliore, per quanto posso, e per fare quello che penso sia giusto. Semplicemente. E sì, credo in Dio.
EBONY: La preghiera svolge un ruolo importante nella tua vita?
MICHAEL: Io prego ogni sera. Non solo prego di sera, prego in diversi momenti della giornata. Quando vedo qualcosa di bello, ogni volta che vedo qualcosa di bello –  come quando volo su un aereo o qualcosa d’altro – dico: oh mio Dio, è bellissimo. E dico sempre queste piccole preghiere per tutta la giornata. Amo la bellezza.
EBONY: Parlando di bellezza, il pubblico ti sta associando con tante belle persone, tra cui le tue sorelle, La Toya, Janet e Rebbie, ma anche con Diana Ross, Brooke Shields e Tatum O’Neal hai avuto una relazione romantica con le ultime due un po’….  Si dice c’è molto in comune tra te e Tatum: entrambi i genitori sono molto protettivi, lei è la figlia di papà (Ryan O’Neal) e tu sei il ragazzino di mamma (Katherine Jackson)
MICHAEL: Mi auguro che tutte le persone che hanno letto JET e EBONY sappiano che, in fondo siamo buoni amici. Questa è la cosa più importante. Credo che per i ragazzi i migliori amici siano le ragazze. E le ragazze le migliore amiche dei ragazzi…
EBONY: Qual è il tuo rapporto con Brooke? Quando vi siete incontrati, e si sono sviluppati i vostri rapporti?
MICHAEL: Ci siamo incontrati agli Academy Awards. Mi ha chiesto di ballare, perché io non  l’avrei invitata, sai, sono troppo timido e m’imbarazzo facilmente. Poi lei dice: “Voglio ballare con te stasera”. Ho detto – perfetto. E siamo andati insieme sulla pista da ballo e abbiamo iniziato a ballare. Stavano suonando questa musica vecchio stile, Benny Goodman, Tommy Dorsey, con questa non si balla davvero. E c’erano poi tutte questi uomini vecchi, calvi, che ballavano un ballo lento su queste melodie; non simo riusciti a ballare questa danza, così abbiamo parlato e avuto modo di conoscerci. Ci siamo scambiati i nostri numeri di telefono, e ci siamo chiamati a vicenda, parlando, e siamo diventati molto amici.
EBONY: Questo significa che Brooke ha sostituito Tatum come amica speciale?
MICHAEL: Tatum mi chiama sempre, e spero che lei legga questa intervista, perché devo chiederle scusa, per il fatto che non posso sempre rispondere alle sue chiamate. Ma è ancora la mia carissima amica.
EBONY: Sia Tatum e Brooke sono splendide attrici. Hai recitato molto bene in “The Wiz”. Il tuo futuro è nei film?
MICHAEL: Sono molto appassionato delle cose che voglio fare, e quello che voglio fare nei film, tutto questo. Non vedo l’ora. Dopo “The Wiz”, ho avuto proposte meravigliose, che sono ancora in fase di creazione.
EBONY: Una volta hai detto che saresti stato molto attento a scegliere il ruolo successivo, perché non vuoi interpretare lo stesso. Hai detto che dopo “The Wiz”, alcune persone ancora ti chiamano “Scarecrow” a causa del ruolo che hai interpretato.
MICHAEL: Qualunque sia il ruolo che hai interpretato, la gente ti associa con la sua personalità. Ma è un solo un gioco. Dopotutto s’incarna un’altra persona … Per inciso, io non vorrei che fosse chiamato, “gioco”, perché non mi piacciono gli attori, cioè che, agiscono.
EBONY: Per favore puoi approfondire il concetto?
MICHAEL: Non credo che nella recitazione si dovrebbe giocare. Il gioco, se si gioca, è imitare la realtà. E invece si deve creare la realtà. Si dovrebbe chiamare più fede. Sai, sono sempre stato contro di esso, quando ho pensato di agire. Non voglio vedere l’attore. Voglio vedere chi crede. Non voglio vedere qualcuno che imita la verità. Allora non è vero. Voglio vedere un uomo che crede nella verità… Poi si può toccare il pubblico.
EBONY: Cosa ti piacerebbe che ti chiedessero, ma nessuno ti chiede?
MICHAEL: Questa è una buona domanda. Forse sui bambini o circa la creazione di canzoni, o su quello che ho appena detto.
Il mondo e i pensieri delle persone non lo rendono migliore, se qualcuno mette le cose sbagliate in poesia, e dice le cose sbagliate sulla scena, e così via. Questo è molto importante, e penso che ciò possa essere fonte di confusione per molte persone, perché l’artista può influire un sacco nelle loro carriere, cambiare il mondo intero, quello che e fa e pensa. La gente ascolta lui, piuttosto che il Presidente, o qualsiasi politico importante. È necessario essere cauti. Dopotutto, essi possono cambiare il modo in cui le persone vivono e quello che dicono e fanno. Ecco perché è così importante dare alla gente amore, e perché amo quello che faccio. Quando Marvin Gaye pubblicò l’album “What’s Going On” (“Che cosa succede”), un sacco di neri e bianchi, anche, ma per lo più neri, hanno imparato qualcosa. “Svegliati, cosa sta succedendo? Svegliati!” Cioè, a coloro che non guardano le notizie, non leggono i giornali e non capiscono la profondità di tutta l’umanità. Cosa sta succedendo? Svegliati.
EBONY: Ci sono state diverse campagne contro le cosiddette “poesie sporche” nelle canzoni di alcuni gruppi musicali. Hai qualche idea su queste band e i loro versi?
MICHAEL: A volte vanno troppo lontano. Essi non lasciano nulla all’immaginazione. Se fossi andato sul palco nudo – non ci sarebbe stata nessuna fantasia. Non vorrei far loro immaginare che aspetto ho senza i vestiti. Quindi, si sa, alcuni esagerano un po’… dobbiamo lasciare alla gente qualcosa da immaginare. E alcuni vanno troppo lontano. Credo che questo sia molto importante perché penso che sia molto importante – il diritto di dare un buon esempio, perché ci stanno guardando un sacco di ragazzi.
7L’anno più produttivo della sua carriera artistica volge a termine, il suo talento lo ha aiutato a guadagnare circa 100 milioni di dollari, ma Michael non si accontenta di riposare sugli allori – o il suo reddito. Egli guarda al futuro, guidato da due affermazioni, entrambi i quali ha fatto: “Sono interessato ad aprire un mio percorso, piuttosto che seguire la strada battuta e voglio fare nella vita quello che faccio”, ha detto Michael in un’intervista, il 13 luglio 1979.
Un’altra dichiarazione è stata fatta durante il ruolo dello Spaventapasseri in “The Wiz”, in cui ha recitato con la sua più cara amica – Diana Ross.
In una scena alla fine del film, Michael disse queste parole a nome del suo personaggio. Spaventapasseri: “Successo, fama, fortuna, – tutte sono illusioni. Tutto ciò che è reale –  è l’amicizia condivisa da due persone”.
Questi sono i pensieri di Michael Jackson, che nessuno conosce.
FINE
Traduzione di Grazia28 per ONLYMICHAELJACKSON
– Vietata la riproduzione anche parziale in un altro sito Web, metti un link diretto a questo post. Grazie.

DMCA.com Protection Status

Annunci