La STORIA DI “SCARED OF THE MOON” By Damien Shields


Immagine di Celine Lavail
In origine pubblicato: 1 ottobre 2013
Quando il Re del Pop è morto il 25 giugno 2009, ha lasciato del lavoro in sospeso. No, non sono gli sfortunati cinquanta concerti This Is It, che lo aspettava a Londra. Sto parlando di musica – in particolare di molte composizioni.
Michael Jackson è noto per il suo perfezionismo. Egli si prendeva tutto il tempo necessario per arrivare al completamento dell’opera e gli album in studio rilasciati …. di altri artisti. Per ogni album, Jackson e il suo team hanno lavorato su così tanto materiale che sarebbe stato sufficiente per alcuni dischi. Per il rilascio ufficiale, hanno selezionato solo i migliori brani.
“Come al solito, Michael entra in studio e registra una varietà di cose, centinaia di nastri, ed è stato fantastico – ha detto Quincy Jones, produttore degli album Off The Wall, Thriller e Bad.  E proprio per l’album Bad gli ho chiesto di scrivere tutte le canzoni. Ho visto che stava crescendo come artista e comprende il processo di produzione. Michael ha scritto 33 canzoni, e in qualche modo abbiamo dovuto procedere a selezionare le migliori. Non si può mettere 33 brani in un disco. Lui ha scritto delle composizioni fantastiche! Davvero fantastiche”.
Una delle 33 canzoni scritte da Jackson durante la realizzazione dell’album Bad, è stata chiamata Scared Of The Moon. Questa non è stata inclusa nell’album, e per molti anni è rimasta sconosciuta agli appassionati e inedita.
“All’inizio, è stata registrata su un grande nastro da due pollici a 24 tracce” – dice Brad Sandberg, direttore tecnico e fonico di Jackson.
Matt Forger, ingegnere del suono, ha registrato il demo originale di Scared Of The Moon al Westlake Studios. Michael Jackson, da vero professionista, ha registrato tutte le parti vocali in un’unica sessione.
“Hanno registrato i cori, la voce solista e il suono del pianoforte, aggiunge Sandberg. E poi Matt ha fatto una cosa mai accaduta prima, ha infranto la regola numero uno dando a Michael la registrazione originale. E quando consegni qualcosa a Michael, è come gettarla in mare, perché non vedrai mai più questa cosa”.
Dopo la registrazione della voce di questa canzone, trascorsero circa due mesi, quando Forger fu chiamato da un ingegnere dello Studios Evergreen.
“L’ingegnere era lì in Evergreen, e chiama Matt, dicendo: ‘Stiamo registrando la sessione di Scared Of The Moon di Michael Jackson. Michael è qui, come i musicisti, ma non abbiamo il nastro originale. Puoi inviarci il nastro?’ E Matt perplesso ha detto: ‘Non ho nessun nastro….l’ho dato a Michael!’”
Essi hanno continuato a chiamare, cercando di risolvere in qualche modo questo problema. Fortunatamente, Matt aveva conservato una copia della cassetta della prima sessione, e così questo nastro è stato preso dallo studio Evergreen. Certo, non era il multitraccia originale, ma era qualcosa. Hanno riscritto il record su un nastro multitraccia di un nuovo e aggiunto gli archi e remixato.
“Ora, dal lato tecnico della registrazione, tutto ciò viola ogni regola prescritta – dice Sandberg su questo esperimento. Non si può semplicemente prendere le parti vocali da un nastro per riversarlo di nuovo su un multitraccia, mantenendo la qualità del suono. Le cassette hanno sempre un po’ di rumore e fruscii, e ho detto a Matt, è assolutamente geniale. È incredibile che abbia funzionato, perché non c’era la voce originale, e Michael voleva solo registrare questa canzone carina. Abbiamo registrato decine di loro, inoltre avevamo un sacco di passaggi in cui Michael fa delle improvvisazioni, e ne abbiamo realizzato un demo. Alla fine Scared of the Moon era il risultato di ciò che tecnicamente non dovrebbe funzionare. Ma il lavoro ha funzionato. Come un piccolo, ma potente motore. Una canzone che può raggiungere l’impossibile”.
Scared Of The Moon non fu selezionata per l’album Bad e rimase nel cassetto fino al 1999, quando Jackson iniziò a lavorare per l’album Invincible.
“Alcune cose vorticavano a lungo nella sua testa – dice Michael Prince, che ha lavorato in studio con Jackson dal 1995 – 2009. A volte, scriveva nuove canzoni e, talvolta, voleva tornare sul del materiale passato, in cui aveva visto un gioiello grezzo. Per esempio, mi ricordo che abbiamo lavorato su Scared Of The Moon per l’album Invincible. E ricordo, come Steve Porcaro scherzando ha detto: ‘Che cosa, ancora una volta questa canzone? ’ – È strano, perché prima non avevo mai sentito parlare. Ma questo è il modo di lavorare di Michael – lui tornava sempre al suo materiale preferito. Ha detto: Perché non mettiamo questo elemento nell’album? Sentiamo di nuovo. C’è un modo per migliorare questa canzone?A volte una canzone entrava nell’album, e a volte no.”
Alla fine, il lavoro fatto su Scared Of The Moon durante le sessioni di Invincible, non è stato approvato per le precedenti versioni della canzone, e la traccia è stata accantonata nelle stesse condizioni in cui si trovava prima dell’album Bad. Poi, nel novembre 2004, Epic Records, Sony Music Entertainment hanno pubblicato un cofanetto delle migliori opere di Michael Jackson, in cui sono stati inclusi anche brani inediti. Il cofanetto chiamato The Ultimate Collection, dispone di una versione mista di Scared Of The Moon. Matt Forger è stato invitato in tempo per apportare il tocco finale. Nel cofanetto la canzone viene giustamente indicata come “demo”. Il mix finale di Forger è composto da 24 tracce di archi, pianoforte e brani vocali originali tratte dalla cassetta, e una traccia di chitarra.
Tuttavia, nonostante il fatto che il demo è stato ufficialmente pubblicato in The Ultimate Collection, nel 2009, Jackson pensava che il lavoro su Scared Of The Moon non fosse ancora finito. Insieme a molte altre canzoni da varie fasi della sua carriera, la canzone è stata indicata in una lunga lista di lavoro “da fare” che Jackson non ha avuto modo di condividere nella sua vita. La nota è stata scritta da Jackson, include i nomi di 28 canzoni, che sperava di “finire ” (compresi Cheater, altre sessioni di registrazione demo di Bad, pubblicato anche in The Ultimate Collection). La nota è stata trovata appesa al muro nella camera da letto del Re del Pop, al momento della sua morte, il 25 giugno 2009 – 24 anni dopo quel piccolo, dolce demo registrato a Westlake Studios.

https://i0.wp.com/www.damienshields.com/site/wp-content/uploads/2013/10/28-songs-MJ-was-working-on.jpg

Fonte:http://www.damienshields.com/scared-of-the-moon-the-little-song-that-could/
Traduzione di Grazia28 in esclusiva solo per ONLYMICHAELJACKSON
VIETATA la riproduzione anche parziale in un altro sito Web, metti un link diretto a questo post. Grazie.

DMCA.com Protection Status

Annunci